Coda alla vaccinara

Coda alla vaccinara
||||| Like It 0 |||||

Prepara con il Bimby questa ricetta romana ormai storica: la coda alla vaccinara!

La Sora Lella lo sapeva bene: non c’è romano che dica di no a questo piatto! Infatti non mancava di certo nel menu del suo ristorante, e non manca nemmeno oggi, dove si serve con un ingrediente speciale: il cioccolato.

Se penso che nasce come piatto povero… in pratica la coda non la voleva nessuno e così, dalla creatività dei “poveri” di un tempo, nasce una ricetta goduriosa! Anche i pinoli, che si usano per la ricetta originale, li raccoglievano gratis. Oggi è impossibile e anche tu sai bene quanto costano…

Questa che trovi qui è la “ricetta della nonna”, quella più diffusa nelle case romane. Nei consigli trovi la ricetta originale, quella con l’uvetta, i pinoli e il cacao.

Se hai la tua ricetta speciale e ti va, puoi condividerla lasciando un commento sotto  alla ricetta :-)

Questa ricetta è per il Bimby TM31 e TM5

Dosi per4 persone
Tempo di preparazione1 min.
Tempo di cottura80 min.
Difficoltà
Tempo di lievitazione
Tempo di riposo30 min.
100
4.3 0
Prepara con il Bimby questa ricetta romana ormai storica: la coda alla vaccinara!La Sora Lella lo sapeva bene: non c'è romano che dica di no a questo piatto! Infatti non mancava di certo nel menu del suo ristorante, e non manca nemmeno oggi, dove si serve con un ingrediente speciale: il cioccolato.Se penso che nasce come piatto povero... in pratica la coda non la voleva nessuno e così, dalla creatività dei "poveri" di un tempo, nasce una ricetta goduriosa! Anche i pinoli, che si usano per la ricetta originale, li raccoglievano gratis. Oggi è impossibile e anche tu sai bene quanto costano...Questa che trovi qui è la "ricetta della nonna", quella più diffusa nelle case romane. Nei consigli trovi la ricetta originale, quella con l'uvetta, i pinoli e il cacao.Se hai la tua ricetta speciale e ti va, puoi condividerla lasciando un commento sotto  alla ricetta :-)

Ingredienti

  • 600 g di coda di vitello già tagliata
  • 2 rametti di prezzemolo
  • Una carota
  • Una costa di sedano
  • Una cipolla piccola
  • Uno spicchio di aglio
  • 40 g di olio extravergine di oliva
  • 2 misurini Bimby di vino bianco secco
  • 500 g di passata grossa di pomodoro
  • 2 chiodi di garofano
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

Lava bene 600 g di coda di vitello: mettila in ammollo in acqua 10 Min. e poi sciacqua. Ripeti per 2-3 volte.

Lava 2 rametti di prezzemolo e metti ad asciugare su un panno. Lava e pela una carota. Lava ed elimina i filamenti a una costa di sedano. Sbuccia una cipolla, uno spicchio di aglio (eliminando anche il germe centrale) e metti tutto a pezzi nel boccale. Trita 5 Sec. Vel. 5 e metti via.

Versa 40 g di olio extravergine di oliva nel boccale, aggiungi la coda ben scolata e stufa 5 Min. 100° Antiorario Vel. Soft.

Unisci gli odori tritati all’inizio e fai insaporire 5 Min. 100° Antiorario Vel. Soft.

Versa 2 misurini di vino bianco e fai sfumare 10 Min. 100° Antiorario Vel. Soft, senza misurino.

Aggiungi 500 g di passata grossa di pomodoro, 2 chiodi di garofano, una generosa presa di sale, una macinata di pepe e cuoci 60 Min. 100° Antiorario Vel. Soft.

Tieni da parte il sugo, che puoi utilizzare per condire della pasta oppure per accompagnare la carne stessa (obbligatoria la scarpetta!!), e trasferisci la coda su un piatto da portata.

Servi calda.

Consigli

Se vuoi gustare la ricetta nella sua versione originale, dopo aver messo da parte del sugo per la pasta, metti di nuovo la coda nel boccale e aggiungi una manciata di uvetta ammollata, una generosa manciata di pinoli, 2 coste interne (tenere) di sedano - private dei filamenti, tagliate a bastoncini e sbollentate - e una punta di cucchiaino di cacao amaro in polvere. Cuoci ancora 5 Min. 100° Antiorario Vel. Soft.

||||| Like It 0 |||||

Che ne pensi di questa ricetta?

Vota la ricetta
[Voti: 1    Media Voto: 4.3/5]

Per commentare accedi o registrati

oppure