Pandolce genovese

Pandolce genovese
||||| Like It 0 |||||

Natale è un’occasione per scoprire le ricette regionali, quei dolci che gli abitanti di ciascun lembo della nostra terra hanno ritenuto così buoni e speciali da dover essere tramandati di generazione in generazione per celebrare una delle feste più importanti e sentite! Il pandolce genovese è una di queste deliziose specialità regionali ❤️

Le sue origini sono antiche: la storia racconta che Andrea Doria bandì una gara tra pasticceri per creare un dolce che rappresentasse al meglio la città di Genova, una città ricca e marinara. Doveva quindi… durare a lungo! Da qui nacque il pandolce, che esiste in due versioni: una alta, tipo panettone, e una bassa. Io ho preparato quest’ultima.

Il giorno di Natale, era il più piccolo della famiglia a portare in tavola il pandolce, decorato con un rametto di alloro benaugurale; veniva poi tagliato dal più anziano e la prima fetta conservata per un povero che avesse bussato alla porta.

W le tradizioni e, soprattutto, la nostra cucina regionale!

Questa ricetta è per il Bimby TM5 e TM31

Dosi per 8 persone
Tempo di preparazione 7 min.
Tempo di cottura 30 min.
Difficoltà
Tempo di lievitazione 2 ore
Tempo di riposo 15 min.
100
4.3 0
Natale è un'occasione per scoprire le ricette regionali, quei dolci che gli abitanti di ciascun lembo della nostra terra hanno ritenuto così buoni e speciali da dover essere tramandati di generazione in generazione per celebrare una delle feste più importanti e sentite! Il pandolce genovese è una di queste deliziose specialità regionali ❤️ Le sue origini sono antiche: la storia racconta che Andrea Doria bandì una gara tra pasticceri per creare un dolce che rappresentasse al meglio la città di Genova, una città ricca e marinara. Doveva quindi... durare a lungo! Da qui nacque il pandolce, che esiste in due versioni: una alta, tipo panettone, e una bassa. Io ho preparato quest'ultima. Il giorno di Natale, era il più piccolo della famiglia a portare in tavola il pandolce, decorato con un rametto di alloro benaugurale; veniva poi tagliato dal più anziano e la prima fetta conservata per un povero che avesse bussato alla porta. W le tradizioni e, soprattutto, la nostra cucina regionale!

Ingredienti

  • 150 g di acqua
  • 20 g di lievito di birra fresco
  • 135 g di zucchero
  • 500 g di farina 0
  • 120 g di latte intero
  • Un uovo
  • Un tuorlo
  • Sale q.b.
  • 50 g di uva passa
  • 45 g di Marsala
  • 110 g di burro
  • 10 g di acqua di fiori d’arancio
  • 5 g di semi di finocchio
  • 50 g di pinoli
  • 50 g di frutta candita a dadini (cedro, zucca, arancia)

Preparazione

Versa nel boccale 150 g di acqua, aggiungi 20g di lievito di birra fresco e 5 g di zucchero. Sciogli 1 Min. 37° Vel. 2. Lascia riposare 15 Min. nel boccale chiuso.

Aggiungi 500 g di farina 0, 120 g di latte intero, un uovo, un tuorlo e un pizzico di sale. Impasta 3 Min. Vel. Spiga. Lascia lievitare 2 Ore nel boccale chiuso.

Fai rinvenire 50 g di uva passa per qualche minuto in acqua fredda e scola.

Al termine della lievitazione, aggiungi nel boccale 130 g di zucchero, 45 g di Marsala, 110 g di burro, 10 g di acqua di fiori d’arancio, 5 g di semi di finocchio, 50 g di pinoli, l’uva passa ammorbidita, 50 g di frutta candita e impasta 3 Min. Vel. Spiga.

Con le mani leggermente infarinate, prendi l’impasto e trasferiscilo su un foglio di carta da forno. Dagli la forma di una pagnottina, schiaccia leggermente la superficie e trasferisci con tutta la carta da forno in una teglia.

Con un coltello, pratica tre tagli a disegnare un triangolo sulla superficie del dolce e inforna 30 Min. a 180°. Fai la prova stecchino ed, eventualmente, prolunga il tempo di cottura.

Lascia freddare completamente.

Consigli

Tosta i pinoli in un padellino prima di utilizzarli: sprigioneranno tutto il loro aroma!

Puoi sostituire il latte intero con pari quantità di acqua.

Usa la frutta candita che preferisci

Se non ti piacciono, non mettere i semi di finocchio.

Per i tagli in superficie, puoi anche praticarne due a croce oppure realizzare un reticolato a rombi!

Per cucinare meglio

||||| Like It 0 |||||

Che ne pensi di questa ricetta?

Vota la ricetta
[Voti: 1    Media Voto: 4.3/5]

Per commentare accedi o registrati

oppure