Roccocò napoletani

Roccocò napoletani
Condividi con i tuoi amici!

Conosci i roccocò napoletani Bimby? Immancabili a Natale, li puoi trovare per tutto l’inverno e poco oltre nei forni e nelle pasticcerie napoletane.

Nei giorni che precedono il Natale sono sempre impegnata con un tour de force per la produzione di biscotti natalizi e idee regalo da preparare con il Bimby. Devo ammettere che è un po’ stancante, ma allo stesso tempo un piacere infinito perché:

1) grazie al Bimby, in cucina faccio il doppio delle cose in metà tempo
2) adoro cucinare per parenti e amici
3) di tutto quello che preparo, una parte lo mangio anche io ;-)

Questi dolci della tradizione gastronomica natalizia partenopea (la cui origine risale addirittura al 1320, per opera delle monache del Real Convento della Maddalena) prendono il loro nome dal termine francese “rocaille”, per via della loro forma barocca e rotondeggiante.

A Caserta e in altre zone limitrofe della Campania, come Aversa, i roccocò hanno una forma ad S (come i susamielli), con un’arricciatura alle due estremità che ricorda le tipiche decorazioni di stile Rococò. A Napoli, invece, li fanno a forma di ciambelline schiacciate della grandezza media di 10 cm.

La preparazione dei Roccocò non è difficile: hanno una base di mandorle, farina, zucchero e pisto, che da’ loro l’odore e il colore caratteristici.

Il pisto è un mix di spezie, formato da cannella, chiodi di garofano, coriandolo, anice stellato e noce moscata, a volte pepe che serve per aromatizzare i roccocò. Lo si può trovare in farmacia, nei negozi di articoli per dolci e, a Napoli, anche nei supermercati!

Sei pronta? Ecco la ricetta dei roccocò napoletani Bimby. Se la prepari condividi una foto sulla mia pagina Facebook ;-)

Questa ricetta è per il Bimby TM31 e TM5

Dosi per
Tempo di preparazione 3 min.
Tempo di cottura 30 min.
Difficoltà
Tempo di lievitazione
Tempo di riposo
100
4.3 6
Conosci i roccocò napoletani Bimby? Immancabili a Natale, li puoi trovare per tutto l'inverno e poco oltre nei forni e nelle pasticcerie napoletane. Nei giorni che precedono il Natale sono sempre impegnata con un tour de force per la produzione di biscotti natalizi e idee regalo da preparare con il Bimby. Devo ammettere che è un po’ stancante, ma allo stesso tempo un piacere infinito perché: 1) grazie al Bimby, in cucina faccio il doppio delle cose in metà tempo 2) adoro cucinare per parenti e amici 3) di tutto quello che preparo, una parte lo mangio anche io ;-) Questi dolci della tradizione gastronomica natalizia partenopea (la cui origine risale addirittura al 1320, per opera delle monache del Real Convento della Maddalena) prendono il loro nome dal termine francese “rocaille”, per via della loro forma barocca e rotondeggiante. A Caserta e in altre zone limitrofe della Campania, come Aversa, i roccocò hanno una forma ad S (come i susamielli), con un’arricciatura alle due estremità che ricorda le tipiche decorazioni di stile Rococò. A Napoli, invece, li fanno a forma di ciambelline schiacciate della grandezza media di 10 cm. La preparazione dei Roccocò non è difficile: hanno una base di mandorle, farina, zucchero e pisto, che da’ loro l’odore e il colore caratteristici. Il pisto è un mix di spezie, formato da cannella, chiodi di garofano, coriandolo, anice stellato e noce moscata, a volte pepe che serve per aromatizzare i roccocò. Lo si può trovare in farmacia, nei negozi di articoli per dolci e, a Napoli, anche nei supermercati! Sei pronta? Ecco la ricetta dei roccocò napoletani Bimby. Se la prepari condividi una foto sulla mia pagina Facebook ;-) Roccocò napoletani https://youtu.be/icQcx0q_-TI Ricette , Biscotti, Dolci con il Bimby Italiana

Ingredienti

  • 150 g di mandorle
  • 250 g di zucchero
  • Un limone non trattato (scorza)
  • Un'arancia non trattata (scorza)
  • 250 g di farina 0
  • 2 g di ammoniaca per dolci
  • 6 g di pisto (spezia)
  • 75 g di acqua
  • 25 g di canditi
  • Un uovo per spennellare

Preparazione

Metti nel boccale 150 di mandorle non pelate e trita 5 Sec. Vel. 10. Metti da parte

Senza lavare il boccale metti 250 g di zucchero, la buccia di un limone e di un'arancia e trita  10 Sec. Vel. 10.

Aggiungi 250 g di farina, 2 g di ammoniaca per dolci, 6 g di pisto, 75 g di acqua e 25 g di canditi, la farina di mandorle messa da parte e impasta 2 Min. Vel. Spiga.

L'impasto sarà un po' appiccicoso.

Metti l'impasto su un piano di lavoro.

Prendi dei pezzi, forma dei salsicciotti e chiudili a ciambella in modo da dare la classica forma ai roccocò.

Adagia i roccocò su una teglia coperta di carta forno.

Spennella i roccocò con un uovo sbattuto e cuoci 20-30 Min. 180°.

Consigli

Se non riesci a trovare il pisto, puoi prepararlo frullando 12 chiodi di garofano, mezza noce moscata spezzettate, buccia grattugiata di 1 arancia e 1 limone, mezza stecca di cannella, 1 cucchiaino di cannella in polvere.

In genere i roccocò vanno mangiati abbastanza duri, infatti fanno un tipico rumore “scrocchiarello” quando si addentano. Per chi li preferisce più morbidi, basta farli cuocere qualche minuto in meno.

Infine, ti consiglio di provare questi biscotti bagnandoli nello spumante, nel liquore al cioccolato, nella crema di limoncello, nel Marsala o nel liquore che preferisci. ;-)


Che ne pensi di questa ricetta?

Vota la ricetta
[Total: 46    Average: 4.3/5]

  1. ho preparato i roccocò per natale. il risultato ottimo

    Tina
    • Ciao Tina, grazie per il tuo commento :-)
      Se ti piacciono il sapore e il profumo ineguagliabili del pisto, ti consiglio anche i mostaccioli: //www.ricette-bimby.com/mostaccioli-napoletani-bimby/

      Ricette Bimby
  2. buongiorno volevo sapere se la teglia deve essere foderata da carta da forno
    oppure unta ad olio…grz…

    Catia
  3. Super ottimi fatti già 3 volte…provare per credere

    Lucia
  4. Purtroppo l’impasto è venuto estremamente appiccicoso e impossibile da lavorare. Ho aggiunto altra farina, ma è diventato duro e friabile, poi ho aggiunto acqua ed è ritornato appiccicoso e poi molliccio. Insomma credo ci sia un problema in qualche quantità di ingrediente nella ricetta iniziale.
    Grazie

    Simona
  5. Li faccio tutti gli anni molto buoni

    Daria